"Il Cosmo secondo Agnetha" di nuovo in libreria

12 April 2017

Inaspettatamente - ed inspiegabilmente - Las Vegas Edizioni ha deciso di mandare in libreria una nuova edizione de "Il cosmo secondo Agnetha", a nove anni dal suo debutto ufficiale, e ...

Leggi Tutto

Non c’è su Amazon, non c’è su iTunes, non c'è su Facebook. Quindi mi piace.

10 June 2014

Non è che uno si chiama Vecchiotti così, a caso. E io devo fare i conti con me stesso: l’omen che già nel nomen mi porto addosso racconta già tutta la ...

Leggi Tutto

Scrittori a vento

10 February 2014

Se ne parla sempre più spesso, e con crescente accanimento, fioriscono i dibattiti sui forum dedicati al tema dell’editoria, e dunque credo urga arrivare a un punto, e ridefinire cosa ...

Leggi Tutto

Book Morning Agnetha

14 January 2014

«Oooohhh Danielita! Avete visto? C'è ancora qualcuno che si ricorda di noi! E voi che vi ostinate a pensare che, data l'età, per le librerie e le darkroom siamo ormai ...

Leggi Tutto

Seguirà dibattito

8 January 2014

L’imminente scomparsa della pellicola a 35 millimetri che, a brevissimo, verrà sostituita dalla proiezione digitale in tutte le sale cinematografiche in grado di convertire il loro impianto (con l’inevitabile moria ...

Leggi Tutto

tastier-jukebox

Categoria: Tutto Matto

Sabato sera “Tutto Matto”, la mia commedia musicale alla (ri)scoperta degli Anni ’80 è in scena al Teatro di Cicagna (GE). E folte schiere di fanatici degli eighties stanno già organizzando le macchinate per viaggiare tutti insieme nell’entroterra ligure, in quell’affascinante striscia di terra incastrata tra i monti e il mare, per perdersi nelle campagna della Valfontabnabuona e ritrovarsi, come accadeva a Benigni e Troisi in “Non ci resta che piangere” (1984), in un tempo che non c’è più.

Da autore dello spettacolo e malato ossessivo di filologia Anni 80, però, vorrei raccomandare coloro che decideranno di organizzare un gruppone e venire alla festa, di lasciare a casa i SUV, le Smart, le Subaru e tutte le macchine veloci e silenziose che affollano le nostre città oggi.
No no.. per favore siate coerenti con lo spirito dello show.
A vedere “Tutto Matto” si deve arrivare in Ritmo. In primis perché non c’è nulla che abbia più verve e battito incalzante del viaggio nel passato in cui vi condurranno llaria Pardini e Marco Pasquinucci. E poi perché proprio la Ritmo è l’automobile-simbolo di quel periodo in cui ancora la Fiat aveva un valore per il paese, e i vari Marchionne erano lungi da venire.

Le regole per il prossimo sabato sono dunque decise: trovate un nonno (o uno sfasciacarrozze) che vi metta a disposizione una Ritmo (in alternativa va bene anche una UNO, ma solo se di primissima generazione), indossate le vostre spalline più ingombranti, cotonate i capelli, infilate la cassettina nell’autoradio (da staccare e portarsi in teatro non appena parcheggiate, ça va sans dire) e lasciatevi andare ancora una volta alla follia di una notte da trascorrere nel passato.

TUTTO MATTO è al Teatro di Cicagna a Monleone di Cicagna, Sabato 10 marzo alle ore 21. Biglietti intero 10,00 euro ridotto 8,00 euro. Prevendita e prenotazioni presso la biglietteria del Teatro di Cicagna il mercoledì e il giovedì dalle ore 15.30 alle 18.30 e un’ora prima dell’inizio dello spettacolo, oppure telefonando allo 01851908295. Online www.happyticket.it.

Secondo quanto raccontano i giornali di mezzo mondo, i dati dell’economia europea sono catastrofici, e quelli riguardanti l’Italia.. beh.. sembrano essere pure peggiori. Una famiglia su quattro sta toccando la soglia della povertà, e i numeri della disoccupazione aumentano in maniera esponenziale.
Chissà quanti di noi, tra sei o dodici mesi, saranno andati ad allungare la lista.

Ma possiamo farci poco e nulla, solo cercare di prenderla con filosofia e non lasciarci dominare dall’ansia. Magari riderci su. Così, per tirarci su il morale, visto che a Marzo la favola pop anni ’80 “Tutto Matto” tornerà sulle scene – al momento per due sole serate, e in teatri di provincia – possiamo giocare a rivivere quel decennio in cui le atmosfere erano diametralmente opposte, e si respirava solo ottimismo, benessere, speranza e ricchezza accessibile a chiunque.

Non a caso uno degli oggetti-simbolo di quell’epoca sono i pattini a 4 rotelle che non solo spopolavano tra i ragazzini, ma facevano impazzire anche gli adulti.

Tutto cominciò con il manifesto de “Il tempo delle mele”, sicuramente una delle pellicole piùrappresentative del periodo, e con quel bacio tra teenager, un po’ casto e innocente ma già pieno di sottintesi pruriginosissimi.
Poi venne il resto: i marciapiedi del centro affollati di pattinatori di ogni età che ti sbattevano contro, le braccia e le gambe ingessate per le cadute madornali, fino alla trasformazione degli schettini (così si iniziarono a chiamare, con una delle primissime contaminazioni fra lingua inglese e italiana) in un vero e proprio feticcio erotico. Le rotelle arrivarono ai piedi delle Ragazze Fast-Food del Drive-In (antesignane di qualsiasi bunga-bunga) e, poco più avanti, ebbero un ruolo anche nelle pellicole hard-core, in un vero e proprio trionfo del lolitismo ante-litteram.

A differenza dei tempi attuali, erano giorni in cui tutti sentivano di poter prendere velocità, volare svelti utilizzando solo la forza dei propri piedi, e le quattro rotelle sotto la scarpa sembravano perfette, per andar spediti.

Il tempo ha dimostrato che quella voglia di correre, bruciar le tappe e divertici a tutti i costi ci avrebbe portato a sbattere contro il muro, a rovinare a terra e a farci male al sederino sociale. Ma questa è solo storia recente.

Da circa due mesi, vale a dire da quando Amazon ha lanciato anche sul mercato italiano il suo Kindle, non faccio altro che decantare le bellezze, i vantaggi e le potenzialità della lettura in digitale.
Per questo,  era abbastanza paradossale che il mio secondo romanzo “La Signorina Cuorinfranti” mancasse ancora nel catalogo dei titoli ebook in vendita.
Nelle ultime settimane ho scassato i pixel all’editore all’inverosimile, ma la mia insistenza ha avuto buon fine.
Da oggi anche “La Signorina Cuorinfranti” – come già era avvenuto per “Il cosmo secondo Agnetha” – è dunque disponibile su Amazon al magro, dieteticissimo  prezzo di € 3,08.
Impossibile resistere alla tentazione di assaggiarlo, no?

Sempre a proposito di piattaforme web e di acquisti digitali, segnalo anche che sul sito Happyticket sono da oggi in vendita i biglietti per la replica ligure della mia commedia musicale “Tutto Matto – C’erano una volta gli Anni ‘80”, che andrà in scena al Teatro Comunale di Cicagna sabato 10 Marzo alle ore 21.00.
Un’altra grande serata dentro gli eighties, per ballare, cantare e soprattutto ricordare un’epoca piena di colori e di follie.
Ne riparleremo….

Qualcuno, per favore, avvisi Pippo Baudo. Con la sua carriera infinita e zeppa di memorie televisive, temo non si ricordi che oggi ricorrono i 25 anni dalla storica serata finale di “Fantastico 7”, il programma abbinato alla Lotteria Italia che, nella stagione ‘86-’87, bruciò ogni recordi di ascolto (oltre venti milioni di spettatori a settimana) e segnò l’ultimo esempio di Grande Show Classico del Sabato Sera.

E’ doveroso, per me, celebrare questo anniversario visto che su quella trasmissione, e in particolare su quella notte della befana di un quarto di secolo fa, ho costruito uno spettacolo teatrale, erigendo “Fantastico 7” a simbolo di tutto un decennio, e scegliendo di far ruotare attorno al Teatro delle Vittorie di allora il racconto di un’epoca e delle influenze che essa ha avuto sul nostro tempo attuale.

Non starò a dilungarmi troppo su “Tutto Matto” (sarebbe superfluo, visto che in questo sito esiste un’area apposita) nè tornerò a raccontare quegli anni ’80 che già descrissi in lungo e in largo nei post del giugno scorso.
Oggi mi piace solo stappare una bottiglia di Champagne annata 1987 e alzare i calici con tutti i miei compagni di lavoro teatrale, magari rimepiendo due bicchieri in più perchè, idealmente, Pippo Baudo e Lorella Cuccarini si uniscano al brindisi e a questa piccola festa della nostalgia.

Gli organizzatori di Officine Papage stanno lavorando per riuscire a portare in giro per l’Italia lo show di adesso, e, con esso, quello di allora, nonchè l’aria ruffiana e leggera di un sabato sera degli anni ’80. E davvero, per tutti noi, ogni replica confermata in questo periodo così difficile per i teatri dalle casse vuote, sarà un vero e proprio biglietto vincente della Lotteria.

_______________________________________

Le prossime date di “Tutto Matto – C’erano una volta gli Anni ‘80” attualmente in programma:
Venerdì 2 Marzo 2012 – Teatro Florentia, Larderello (PI), info: 0588 62306
Sabato 10 Marzo 2012 – Teatro Valfontanabuona, Cicagna (GE), info: 010.8315206

Questo sito utilizza cookies per monitorare l’attività web del sito e migliorare la vostra esperienza di navigazione. Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra cookie policy. Per saperne di più | Chiudi